Luisa Valentini - Biografia

Luisa Valentini vive e lavora a Torino.
Si laurea  in Germanistica con Claudio Magris all'Università degli Studi di Torino ed in Scultura all’Accademia Albertina di Torino.
E’ docente di Plastica Ornamentale presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara.

Diverse le opere scultoree  realizzate per concorsi pubblici e committenze private.

Insieme agli architetti  R.Rigamonti e Negozio Blu di Torino vince il V concorso di Progetti Pilota 2008/9 indetto dalla CEI per la progettazione di un complesso parrocchiale a Racalmuto. 

Nel 1999 installa la stazione dell‘Orto Degli Ulivi’ nella Via Crucis  dell’Aravecchia di Masserano, Biella, curata da Marco Rosci per la Comunità di Don Luigi Longhi. A seguito di un concorso pubblico nel 2000 realizza un Crocefisso, un Tabernacolo ed un pannello decorativo per l’Altare della Cappella nella Residenza Socio-Assistenziale Via Plava di Torino.

Nel 2002 consegue il terzo premio nel concorso pubblico per progettazione e realizzazione di un monumento da collocare nel territorio urbano di Pero, Milano.

Per lo spettacolo di presentazione dell’autovettura Fiat Bravo allo Stadio dei Marmi di Roma (2006), assemblando varie parti di carrozzeria, realizza per gli acrobati del ‘Cirque du Soleil’ una scultura - Totem di 13 metri di altezza.

In omaggio a J.Beuys nel 2008  è invitata da Lucrezia Durini De Domizio a realizzare un ‘Segnale’ intervento plastico specifico- in rame ed acciaio inossidabile- nel parco della Fondazione Piantagione Paradise di Beuys a Bolognano, Pescara (2008). 

Dal 2009 collabora con la Costa Crociere, per la quale ha installato la scultura “Rosa Bianca e Rosa Nera”  a bordo della nave Costa Luminosa e la scultura “Loto” a bordo della nave Costa Deliziosa.

Negli a.a.2009/2010  e 2010/2011 è incaricata dal MASP di Lucca a tenere un seminario all’interno del Master dell’Università di Architettura di Pisa.

Il suo lavoro è presente in collezioni private e  pubbliche; tra esse si segnala la Fondazione della Banca del Lavoro, la Collezione della Farnesina a Roma, il MUSMA Museo d’Arte Moderna di Matera, il Museo della Fondazione Stauròs di S.Gabriele in provincia di Teramo ed il LandesMuseum di Linz, Austria.   

Numerose mostre personali e collettive in Italia, Europa, America, Cina e Corea. Partecipa alla Biennale - Scultura Internazionale di Agliè (2008) curata da Luciano Caramel; alla XI Biennale D’arte Sacra Contemporanea (2004 e 2010) curata da Marisa Vescovo nel Museo della Fondazione Stauròs di S.Gabriele a  Teramo; alla II Biennale Internazionale della Scultura (2002) curata da Victor de Circasia alla Mandria di Torino; al Periplo - Biennale  della Scultura Italiana (2000) curata da P.G.Castagnoli, F.D’Amico e G.Appella nei Sassi di Matera; alla III Biennale d’Arte Giovane Contemporanea (1995) curata da L.Somaini e C.Cerritelli a Sartirana Lomellina, Pavia.

Lavora su committenza privata e pubblica per la realizzazione di opere, installazioni e spazi scultorei da vivere ed abitare, quali una stanza d’artista nell’albergo Alexander Museum di Pesaro ed alcune camere da letto - sorta di ventri scultorei – e diversi altri interventi plastici per collezioni private. Tra essi, una grande cappa-scultura nel porticato di una dimora nobiliare piemontese; un impianto scultoreo interattivo in vetroresina per la piscina di una villa a Beaulieau sur Mer, Francia; una grande armatura metallica appositamente progettata per lo scalone di Palazzo Bricherasio a Torino o, anche, il tappeto Speculum, nel Salone degli Specchi del medesimo Palazzo, che riporta a pavimento le decorazioni a stucco del soffitto.

Nell’ultima fase della sua ricerca inserisce nuove tecnologie, tanto statiche (luce ed immagini digitali) quanto dinamiche (video), e realizza numerose performance attorno al valore ed alla sacralità della vita.

Elenco mostre: